Volume 6, Capitolo 17, contraccettivo semicid.

Volume 6, Capitolo 17, contraccettivo semicid.

CARATTERISTICHE DEL metodi di barriera

Tabella 1. Barrier metodi contraccettivi e spermicidi

Contraccettivi compresse schiumogeni vaginali

Anche se ci sono marcate differenze tra i metodi di barriera di contraccezione, ci sono anche alcune somiglianze definite. Essi sono intimamente associati con la sessualità della persona e il comportamento sessuale. Ogni incontro sessuale prevede una situazione unica in cui i partner devono decidere se utilizzare il metodo. Uno o entrambi i partner devono prendere una decisione e agire prima di ogni rapporto sessuale. Pertanto, i contraccettivi di barriera richiedono sostanziale motivazione. Tutti rendono necessario collaborazione e il sostegno da parte del partner.

La decisione di rispettare una misura preventiva, come la contraccezione dipende dalla percezione del rischio di rimanere incinta, il desiderio di evitare la gravidanza, e numerosi altri fattori, come ad esempio la necessità di riservatezza, effetti collaterali negativi, l’ambivalenza, difficoltà a prendere decisioni in ogni sessuale impegno, e Navet su come funziona un contraccettivo, la paura di infezioni, e dubbi circa gli effetti generali di contraccettivi. Nella maggior parte dei casi, alla corretta applicazione di metodi di barriera richiede un cambiamento nel comportamento sessuale. 7. 8. 9

contraccettivi di barriera sono molto sicuri. Sono utilizzati incoerente più spesso rispetto ai metodi noncoitus-dipendente. 10 Alcuni sono relativamente complicati da usare e coinvolgere una complessa serie di passi sequenziali, quindi le possibilità di un uso non corretto sono elevati. Qualsiasi condizione che limita la destrezza manuale o la capacità di seguire le indicazioni sequenziali possono limitare il loro uso costante e l’efficacia. metodi contraccettivi di barriera sono gli unici attualmente raccomandati per la prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili e l’HIV, che li rende importante per garantire la salute riproduttiva. Infine, i contraccettivi di barriera dare un contributo importante alla pianificazione familiare e la salute pubblica, perché sono sicuri, non hanno effetti collaterali sistemici o rischi, sono ragionevolmente efficace, e svolgere un ruolo di primo piano nella prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili. Alcuni, come spermicidi e preservativi, necessitano di alcuna partecipazione professionale per la loro divulgazione e l’uso corretto. 6. 7. 8. 9. 10

Ci sono due misure di come funziona un contraccettivo: efficacia (come si svolge in condizioni ideali, l’uso perfetto) e l’efficacia (come funziona in condizioni di utilizzo tipico). 13 efficacia contraccettiva dipende da molti fattori: frequenza dei rapporti, la fecondità degli utenti, come viene utilizzato il metodo e la qualità del prodotto. Ma più che per gli altri metodi di controllo delle nascite, l’efficacia dei metodi di barriera dipende da come le coppie li utilizzano. 14. 15 Un metodo che è valutato come meno efficace potrebbe effettivamente essere più efficace per un particolare coppia se lo usano correttamente e regolarmente. La maggior parte dei fallimenti contraccettivi possono essere attribuiti solo al rispetto inadeguata con il regime prescritto. contraccettivi di barriera e preservativi usati correttamente ad ogni rapporto sessuale può essere molto efficace nel prevenire la gravidanza. In effetti, l’uso coerente di preservativi con uno spermicida può offrire protezione contraccettiva che rivaleggia con quella della pillola anticoncezionale. L’accettazione di tutti i metodi contraccettivi di barriera tranne il preservativo è caduto dopo l’introduzione di contraccettivi orali e dispositivi intrauterini (IUD). 6. 7

Tabella 2. gravidanza il prezzo e metodi anticoncezionali (1 anno di utilizzo)

Hatcher RA, Trussell J, Steward F et al (eds): contraccettiva Tecnologia, 17 ° ed. New York, Ardent Media, 1998

È stato riferito che i metodi barriera e spermicida fornire una protezione di circa il 50% contro le malattie sessualmente trasmissibili e la malattia infiammatoria pelvica. 17. 18. 19 Il loro uso è stato associato a una minore incidenza di cancro cervicale rispetto ad altri metodi di contraccezione. 20. 21. 22. 23. 24 Le donne che non utilizzano metodi di barriera hanno due volte la probabilità di avere il cancro della cervice sviluppare. 25 Metodi di barriera contribuiscono alla prevenzione della sterilità. 19. 26. 27. 18. 28. 29. 30 Un problema a volte associato con l’uso di contraccettivi vaginale è sindrome da shock tossico (TSS), una rara infezione sistemica e talvolta fatali con Staphylococcus aureus. TSS è l’unico effetto collaterale pericolo di vita associato con il diaframma, cappuccio cervicale, e spugna contraccettiva. Tuttavia, la sua presenza reale è rara; dal 1979, solo 55 casi sono stati segnalati per il Centers for Disease Control and Prevention (CDC). Il CDC stima che circa un caso di TSS si verifica ogni 75.000 utenti spugna. Negli Stati Uniti, il 95% dei casi di TSS verificano tra le donne. Di 40 casi di TSS in cui è stata ottenuta una storia mestruale, 95% sono stati temporalmente associato con esso. 31. 32

Le principali considerazioni contro l’accettabilità di contraccettivi di barriera sono la necessità di toccare i genitali, confusione, lo stoccaggio, rifornimento, lo smaltimento, e la relazione diretta al coito. Alcuni metodi sono ingombranti e difficili da memorizzare, trasportare e usare con discrezione. Inoltre, è necessaria pianificazione, nonché una certa compulsività da parte della persona o coppia per garantire un uso coerente. Tutte queste situazioni si verificano in una certa misura con la maggior parte degli utenti nella maggior parte delle culture. 8

INDICAZIONI GENERALI PER metodi di barriera

contraccettivi di barriera sono indicati per: (1) le donne suscettibili di rimanere incinta a cui i contraccettivi ormonali e IUD sono controindicati; (2) le donne che non vogliono usare nulla ormonale o chimico che può avere un effetto sistemico o qualcosa che deve essere trasportato nel corpo; (3) come un metodo ad interim fino a quando può essere avviato contraccezione sistemica o un IUD inserito; (4) durante l’allattamento e il puerperio, mentre sono ancora sanguinamento (se accettabili, il preservativo non deve essere trascurato); e (5) le donne con una storia di sanguinamento uterino a causa di discrasia ematica, anche se l’uso del preservativo può essere prorogato per queste situazioni; (6) alla fine della vita riproduttiva (perimenopausa), quando la fecondità è basso, la frequenza dei rapporti è diminuita, e le relazioni sessuali sono sporadici; e (7) per le donne che, durante l’utilizzo di contraccettivi più affidabili come la pillola, iniezioni, o IUD, esprimere seria preoccupazione per le malattie sessualmente trasmissibili e la fertilità futura (dual metodo).

Tabella 3. Indicazioni e controindicazioni per l’uso del condom

controllo maschile contraccettivo preferito
Genitale o la malattia del pene, cistiti, uretriti, tra cui le malattie a trasmissione sessuale attiva
Sensibilità o reazione allergica a secrezioni vaginali
L’eiaculazione precoce

controllo maschile preferito
partner sessuale inaffidabile
Vaginiti anche sotto trattamento
Controindicazioni ai contraccettivi sistemiche e dispositivi contraccettivi intrauterini (IUD)
Vuole la prova che lo sperma non è stato rilasciato nella vagina
Avversione al contatto con lo sperma o allergia ad esso
Respinge contraccettivi ormonali e di corpo estraneo (IUD) inseriti nel suo corpo
conflitto psicologico, culturale o religioso con l’uso personale di contraccezione
metodi temporaneo quando:

coito sporadica o un rapporto sessuale normale non è stabilito
Durante le mestruazioni se coito deve avvenire
Durante metà ciclo per una maggiore protezione durante l’utilizzo di una membrana, tappo, o il metodo del ritmo
In attesa di iniziare un contraccettivo sistemica o l’inserimento di un IUD
Quando su pillole contraccettive orali, iniezioni, o più sono stati mancati
Durante il primo ciclo sulla pillola minidosi
Postpartum fino l’involuzione dell’utero e della cervice permette l’inserimento di un IUD, un cappuccio cervicale, montaggio di un diaframma, o alla sospensione della lattazione permessi vaginale permette l’uso di pillole ormonali combinati orali, iniezioni o impianti

Entrambi i partner sessuali

controllo maschile favorito
il sesso incontro casuale o rapporti poco frequenti
A MST rischio / infezione da HIV
STD attiva o sospetta, compresa la storia di o STD virale non attiva
Infezioni del tratto urinario (UTI) fino trattata
Metodo interim fino a quando un metodo reversibile può essere prescritto, uno IUD inserita o sterilizationis eseguita

STD, malattie a trasmissione sessuale; HIV, virus dell’immunodeficienza umana
Modificato da Sobrero AJ Sciarra JJ: Contraccezione, In Cohn HP (a cura di): La terapia corrente del 1978, Baltimora, Saunders 1978

La maggior parte degli utenti di preservativi sono più preoccupati per evitare il concepimento indesiderato di prevenire una MST; tuttavia, questo importante aspetto della salute personale e pubblica di contraccezione non dovrebbe essere relegata ad un ruolo secondario. Vale la pena di sottolineare che la prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili può impedire futuro infertilità 18. 26. 27. 17. 28. 29. 30 e il cancro della cervice. 20. 21. 22. 23. 24 Le barriere uso del preservativo tra le donne dai 15 ai 30 anni che frequentano quattro cliniche pianificazione familiare erano legati a due fattori che limitano: il piacere e l’intimità, e basso bisogno percepito. 64

Nonoxynol-9 (N-9), il spermicida utilizzato in preservativi più lubrificati, può causare il rilascio di una proteina lattice di gomma naturale che può aumentare la probabilità di soggetti con ipersensibilità al lattice svilupparsi. livelli di proteine ​​lattice di gomma naturale lisciviati da preservativi in ​​lattice variare da marca a marca: preservativi lubrificati con N-9 hanno un quadruplo di cinque volte aumento di proteine ​​lattice di gomma naturale rispetto allo stesso marchio senza il spermicida. 47 Per le persone sensibili al lattice, anche preservativi senza N-9 possono causare una reazione allergica. 47. 48 le allergie al lattice e infezioni del tratto urinario (UTI) associati con l’uso di contraccettivi di barriera sono problemi che solo poche persone esperienza.

Figura. 1. In senso orario da in alto a sinistra. ( UN ) Preservativo realtà femminile. ( B ) Tenendolo per l’inserimento. ( C ) Inserimento. ( D ) Spingendo l’anello interno oltre l’osso pubico, vicino alla cervice uterina, e ( E ) Il dispositivo in posizione.

Nessun metodo contraccettivo si adatta abitudini culturali di tutti, bisogni, desideri, e stili di vita. Il preservativo femminile, anche se non perfetto esteticamente e funzionalmente, è una gradita aggiunta alla armamentarium contraccettivo. Si può avere un seguito limitato; tuttavia, si è dimostrato accettabile per le donne in tutto differenti scenari e fornisce ai suoi utenti con doppia protezione credibile (contraccezione, malattie sessualmente trasmissibili, e HIV) sotto il controllo di una donna.

Il diaframma vaginale originale Mensinga consisteva in una stretta banda di acciaio piatto, come in una molla orologio, formando un anello. gomma vulcanizzata completamente coperto l’anello e chiude lo spazio, formando una cupola. Questa coppetta cupola, senza modifiche tranne per il miglioramento della qualità della gomma e l’anello, è rimasto pressoché invariato un’eccellente contraccettivo meccanico femmina controllato. A causa della loro costruzione di gomma o lattice di gomma, sono molto sensibili alle sostanze oleose e lubrificanti. Su misura e collocato diaframmi cavalcare in diagonale nella vagina tra il fornice posteriore e dei tessuti sul retro dell’arco pubico.

Figura. 2. diaframmi contraccettivi. UN. molla piatta. B. Formazione di archi primavera. C. molla a cerniera ( frecce indicano cerniere ). (Da Speroff L, Darney P: Una guida clinica per la contraccezione di Baltimora, Williams. & Wilkins, 1992.)

Tabella 4. Contraceptive membrane Disponibile negli Stati Uniti

Ogni tipo di membrana ha i suoi vantaggi; Tuttavia, non tutte le donne possono misura (Tabella 5). Risultati soddisfacenti possono essere ottenuti con una delle varietà disponibili, a condizione che una buona misura può essere raggiunto e la donna è in grado e disposti a utilizzarlo in modo coerente. Il diaframma è un metodo contraccettivo privo di effetti collaterali sistemici; può essere usato durante l’allattamento.

Tabella 5. Indicazioni e controindicazioni per il contraccettivo vaginale membrana

Controllo femminile desiderato
contraccettivi ormonali sistemici e IUD controindicata o inaccettabili

Psicologica / incapacità mentale per imparare l’uso corretto
Avversione al tatto / esplorare propri genitali
incapacità fisica a padroneggiare l’uso corretto:

obesità marcata
Dita troppo corte
Vagina troppo corto o troppo in profondità

Necessità di un metodo contraccettivo di maggiore efficacia.
Mancanza di privacy
Moderato cistocele o rettocele o entrambi
dispareunia
Fixed retrodisplacement uterina
Cronica dermatosi vulvare, genitale eczema, psoriasi genitale, dermatite da contatto

consegna recente (lt; 12 settimane dopo il parto)
episiotomia recenti
Acuta o subacuta vulvovaginiti o cervicite di qualsiasi eziologia fino trattati
Cistite, uretrite, altre infezioni genitali, fino causa è determinata e trattata
genitale prurito
malattia a trasmissione sessuale attiva o sospetta fino trattata o situazione chiarita

Modificato da Sobrero AJ, Sciarra JJ: Contraccezione. In Cohn HF (a cura di): La terapia attuale, 1978. Baltimora, Saunders 1978
IUD, dispositivo intrauterino; HIV, virus dell’immunodeficienza umana; CIN, neoplasia intraepiteliale cervicale.

La membrana deve essere selezionata solo dopo un esame ginecologico e attenta valutazione delle condizioni degli organi pelvici: la profondità e l’elasticità della vagina e il tono delle sue pareti e perineo, così come la presenza o assenza di cistocele, rettocele, o uretrocele, e di una cavità dietro la sinfisi pubica. Non di rado, due donne con la stessa profondità vaginale richiedono una dimensione o tipo di diaframma a causa delle marcate differenze nel tono parete vaginale e l’elasticità diverso. anatomia individuale determina la scelta.

Un punto anatomica di grande valore per determinare il tipo di membrana che può essere adeguatamente adattato sia la condizione dello spazio retropubico. Nella maggior parte delle donne, una nicchia ben definito può essere trovata dietro l’arco pubico; la parte anteriore del bordo diaframma devono essere contenute in questo spazio, di riposo di fronte contro la sinfisi. Quando la parete vaginale anteriore, a causa della scarsa tono vaginale o un cystourethrocele, è rilassato, questo spazio è cancellato; il diaframma non si adatta bene e tende a incurvarsi. In tali casi, il diaframma non può essere prescritto e deve essere consigliato un altro metodo.

gelatine spermicide o creme sono utilizzati per fornire una lubrificazione per facilitare l’inserimento del diaframma. La spermicida offre teoricamente due ulteriori vantaggi: l’attività spermicida e il valore aggiunto ostacolo meccanico alla migrazione degli spermatozoi. Il lubrificante non deve contenere prodotti che possono danneggiare la gomma o sono irritanti per la donna o la sua consorte. Circa 2 pollici o un cucchiaio di gelatina spermicida o crema è posto nella tazza, e alcuni di essi è spalmato sul cerchio e l’altra faccia del dispositivo. Gelatine forniscono più la lubrificazione. Una crema o schiuma possono essere indicati quando minore lubrificazione è desiderato; Le schiume sono meno è piaciuto per questo scopo. Le gelatine spermicida adiuvante e creme sono, in misura grande, battericida e possono diminuire il rischio di contrarre alcune malattie a trasmissione sessuale. 7. 96 Essi contribuiscono alla efficacia del metodo.

L’agente diaframma e spermicida può essere inserita ore prima del rapporto, ma se più di 2 ore trascorrono, spermicida supplementare deve essere posto in vagina superiore per la massima protezione. Senza dati empirici per sostenerla, si consiglia la rimozione della membrana dopo 6 a 8 ore da eiaculazione. Anche con la straordinaria capacità del buffer del plasma seminale, sperma sopravvivere nel normale vagina, meno di 2 ore. Sperm sopravvivenza dovrebbe essere più breve in presenza di uno spermicida. Il diaframma non deve essere lasciato nella vagina per più di 24 ore. Quando si verifica ripetuta coito, una nuova applicazione del spermicida deve essere inserito con un applicatore o con un dito senza rimuovere il diaframma. Il diaframma può essere lasciato in una notte e per un giorno intero alla volta. Il suo uso durante il periodo mestruale non è raccomandato, ma se questo è fatto, il diaframma non deve essere collocato troppo a lungo prima di rapporti sessuali, e dovrebbe essere rimosso poco dopo. Il pericolo di TSS con ritenzione prolungata del dispositivo dovrebbe essere sottolineato, perché TSS è stato descritto dopo l’uso del diaframma. 97. 98 Anche se TSS è rara, circa il 95% dei casi segnalati sono stati temporalmente legati alle mestruazioni. 31. 32. 97. 98 Douching non è consigliato, ma la donna può farlo se lo desidera. la conservazione prolungata e montaggio improprio può causare irritazione vaginale, anche danno della mucosa.

Il problema principale nella prescrizione di un diaframma è l’assenza di personale ben addestrato. richieste di montaggio abilità, pazienza per l’insegnamento, e il tempo (di solito 15 a 20 minuti). Perché i diaframmi non sono così popolari come lo erano prima dell’arrivo di contraccezione orale e IUD, forniture adeguate (tutti i modelli e dimensioni), spesso non sono disponibili. Molte donne sono stati condizionati a non toccare e ancora meno per esplorare i loro genitali. In alcuni casi, l’atteggiamento di una donna verso l’inserimento di tamponi può dare un indizio per i suoi sentimenti di mettere il dispositivo in vagina e di garantirne la corretta posizione. Le donne obese, le donne con le dita corte, e quelli con limitazioni manuali potrebbero non essere in grado di utilizzare questo metodo.

Il diaframma, adeguatamente curato, può durare diversi anni, che lo rende un metodo piuttosto economica. Dopo l’uso, la membrana deve essere lavata, asciugata accuratamente, e posto in un contenitore. Se lo si desidera, può essere in polvere con amido di mais. Tuttavia, talco contribuisce al rapido deterioramento della gomma. Periodicamente, il diaframma deve essere ispezionato contro una forte luce i punti deboli o perforazioni. Dopo una consegna o una variazione di peso (10 libbre o più), è consigliato un ricontrollo del raccordo, ma l’adesione di routine a questa politica è stata messa in discussione. 99

Storicamente più vecchio del diaframma vaginale, 12 il cappuccio cervicale contraccettivo ha suscitato scarso interesse tra la professione medica negli Stati Uniti. E ‘più popolare nel Regno Unito, e in alcuni paesi dell’Europa centrale, è più popolare che il diaframma. cappucci cervicali convenzionali possono essere indossati per un massimo di 48 ore. Permanenza per più di 6 a 8 ore è spesso causa di cattivo odore. Quelli che possono essere trovati negli Stati Uniti sono fabbricati in Inghilterra. Essi sono costituiti da gomma o gomma lattice e sono disponibili in tre diverse tipologie: la Prentif o motivi della cavità-rim, un dispositivo di gomma simile a un bombetta, con un bordo di spessore; il Dumas o motivi volta, un berretto in lattice a forma di cupola poco profonda, sottile al centro e con un bordo di spessore, senza un anello di metallo; e il tappo Vimule, anche un cappuccio di lattice a forma di cupola, sottile al centro e spessore alla periferia, con un bordo inclinato. Tutti sono destinati per adattarsi sopra la cervice; la Vimule e Dumas estendono ai fornici vaginali (Fig. 3).

Figura. 3. dispositivi contraccettivi meccanici. UN. Vaginale bobina molla a diaframma. B. Dumas cappuccio cervicale. C. Prentif cappuccio cervicale. D. Vimule cappuccio cervicale.

L’uso corretto del cappuccio cervicale richiede una manipolazione dei genitali, la capacità di individuare il collo dell’utero, e di mettere il dispositivo su di esso. tappi cervicale non può essere utilizzato in donne con una cervice corta, scarso supporto vaginale, una cervice mal lacerata, una cervice infiammata o infetta, utero, o annessi, così come quelli con una storia di papillomavirus umano o infezione da virus herpes simplex o del collo dell’utero displasia. Esso è inoltre controindicato nelle donne con dita corte, una mancanza di destrezza meccanica, o un’avversione per toccare i loro genitali. Tabella 6 elenca le linee guida per l’uso di cappucci cervicali, e Tabella 7 elenca controindicazioni al loro uso.

Tabella 6. Linee guida per l’uso dei contraccettivi Caps cervicali

Posizionare il gel spermicida sufficiente sul tappo
Inserire il tappo senza fretta in vista di un potenziale coinvolgimento sessuale
Assicurarsi che il tappo è impegnato sulla cervice
Dopo il rapporto, non togliere il tappo prima di 2 ore
Dopo il rapporto, il tappo può rimanere fino a 2 giorni
amplessi ripetute non richiedono ulteriore spermicida
Verificare nuovamente la posizione del tappo prima di ripetere il rapporto sessuale
Non utilizzare il cappuccio durante le mestruazioni
Douching prima o dopo la rimozione del tappo non è necessario

Tabella 7. Controindicazioni per l’utilizzo di contraccettivi Caps cervicale

Le mestruazioni, attiva vaginale, cervicale, o altre infezioni genitali fino trattati
puerperio
Sospetto di gravidanza

condizioni anatomiche che precludono un adeguato montaggio del dispositivo
Incapacità di apprendere la tecnica di inserimento e la rimozione
Storia: sospetta o nota displasia cervicale o CIN

CIN, neoplasia intraepiteliale cervicale.

Il FemCap (FemCap Inc, Del Mar, CA) è un nuovo tipo di cappuccio cervicale. 123. 124 Questo dispositivo ingegnoso, in gomma molto elastico in silicone (Fig. 4), viene giustamente descritto come forma di cappello da marinaio. È costituita da una cupola sottile per adattarsi e coprire completamente la cervice, raggiungendo fornici vaginali. Una flangia circolare flessibile, chiamato all’orlo, circonda la cupola e leggermente razzi verso l’esterno per conformarsi alla cupola vaginale, cancellando i fornici vaginali. L’orlo è più stretta anteriormente e posteriormente ampia per adattarsi alla profonda fornice anteriore e anatomia della vagina. Il confine della cupola al suo incrocio con la tesa forma un morbido, anello leggermente più stretto e più spesso arrotondato per sigillare il dispositivo al collo dell’utero. Il dispositivo di un pezzo viene fornito con una cinghia dello stesso materiale, che si trova sopra la cupola, per facilitare la rimozione. Sono disponibili tre misure: il più piccolo (24 mm di diametro cupola interna) per le donne nullipare, media (28 mm) per le donne che non hanno mai una consegna durante la gravidanza, e 32 mm per le donne pluripare. Sulla base di un 6 mesi studio comparativo della FemCap e un diaframma convenzionale, Mauck e collaboratori calcolato la probabilità annua di gravidanze indesiderate per la FemCap come 22,8% e del 13,7% per il diaframma, rispettivamente. 125. 126 Sulla base della storia della gravidanza della donna, FemCap potrebbe essere auto-montato sul 84% delle donne. C’erano più istanze di raccordo difficile nonché di inserimento e rimozione del dispositivo per la FemCap che per il diaframma; tuttavia, si segnala che l’inserimento è più facile che per il tappo Prentif. esperienze avversi sono stati simili con entrambi i dispositivi, meno del 6%. FemCap è stato considerato sicuro ed è stato associato con un numero significativamente minore infezioni del tratto urinario. Il tasso di gravidanza 1 anno stimata, sulla base del tasso di gravidanza 6 mesi, è stato calcolato di circa 23%, da 15% per nullipare e 30% per le donne pluripare. Il spermicida deve essere collocato nello spazio tra l’aspetto esteriore della cupola e all’orlo, e una quantità minore deve essere spalmato sul bordo della cupola e il suo interno. Le istruzioni fornite indicano che richiede una minore quantità di spermicida del cappuccio cervicale Prentif. Si teorizza che, come si verifica l’eiaculazione, la tesa, in stretta apposizione della parete vaginale, dirigerà il liquido seminale e spermatozoi mobili verso lo spazio circostante la cupola in cui si trova la maggior parte del spermicida. 122 Poiché il maggior volume di spermicida non è a diretto contatto con l’epitelio vaginale, si presume che ci saranno irritazione meno locale. Il dispositivo non richiede ulteriori dosi di spermicida prima di ripetuti rapporti sessuali.

gomma di silicone è anallergico, e il cappuccio può essere lavato con qualsiasi sapone o detergente, bollito, o addirittura sterilizzati. Dovrebbe essere buono per 2 anni e non deve cambiare colore, perdere elasticità, o diventare maleodoranti. Nello studio iniziale, alcune donne indossavano il dispositivo da 3 a 7 giorni senza irritazioni o danni alla cervice o la cupola vaginale; 5% ha riportato vaginale odore, prurito, e UTI. 124 La popolazione in studio era molto soddisfatto con il dispositivo. 125

Figura. 5. scudo di Lea. UN. vista cervicale. B. scudo di Lea in posizione, per quanto si può comodamente andare. Si stabilirsi in luogo, che copre il collo dell’utero automaticamente. Il ciclo viene mantenuta frontalmente e pressato dietro l’osso pube. C. Per la rimozione, il ciclo si svolge con il dito indice ed è allora ritorto e tirato fuori. (Da Hunt WL, Gabbay L, M Potts: lo scudo di Lea, un nuovo contraccettivo di barriera valutazioni cliniche preliminari, la tolleranza studio Contraccezione tre giorni. 50: 551, 1994.)

Secondo le istruzioni fornite, scudo di Lea deve essere utilizzato con un gel spermicida. Circa un terzo della cupola dovrebbe essere coperto con il gel, che dovrebbe essere applicata al bordo spessore della cupola per facilitare l’inserimento e l’aspetto esterno della valvola. 126. 127. 128

Un silicone cappuccio cervicale monouso, Oves Cap, è disponibile per essere venduto over-the-counter in Francia. Può essere lasciato in sede per un massimo di 3 giorni.

VAGINALE CONTRACCETTIVO INSERTI

costrutti farmaceutiche devono essere inseriti direttamente nel processo verbale della vagina prima del rapporto sessuale. Tutti gli inserti contraccettivi disponibili negli Stati Uniti contengono N-9 come spermicida. Queste preparazioni sono supposte: Encare, contenenti un 2,27% di N-9, Koromex inserti con 125 mg di N-9, e Semicid con 100 mg di N-9. È disponibile anche il film vaginale contraccettivo (VCF) C-Film con 70 mg di N-9. I dati relativi all’uso efficacia sono scarse (vedi tabella 2). Non disponibile negli Stati Uniti, ma ampiamente disponibile all’estero è la formazione di schiuma vaginale giapponese (effervescente) compressa NeoSampoon. Questa compressa contiene menfegol come spermicida.

Uno studio di lavoratori del sesso a Nairobi ha scoperto che la spugna con 1 g di N-9 non ha offerto protezione contro l’infezione da HIV. 138 La spugna contribuito a secchezza vaginale, e la sieroconversione è stata attribuita ad un aumento vaginale piaghe che hanno facilitato infezione virale. Le donne in questo studio avevano più episodi coito con la spugna; la situazione può essere molto diverso in altri scenari clinici. L’uso frequente di N-9 è stato collegato a irritazione vaginale e abrasioni delle mucose, che erano dose-dipendente. 139 Ci sono stati casi di TSS temporalmente connessi con l’uso della spugna contraccettiva. Il rischio è stato in gran parte legata al suo uso durante le mestruazioni e il puerperio e il mantenimento del dispositivo prolungata. 31. 140

Un ampio gamma di metodi farmaceutici sono stati e sono ancora utilizzati per fornire spermicidi nella vagina. Ci sono forme tradizionali, come gelatine vaginali e creme, supposte, e compresse effervescenti, con molti miglioramenti esistenti. Ci sono forme più recenti, come schiume e, più recentemente, il film contraccettivo vaginale che completano l’elenco (Tabella 8).

Tabella 8. Gli spermicidi commerciali disponibili negli Stati Uniti

Gel, gelatine, e Creme

Vantaggio 24 Gel
Gel Conceptrol
Gynol II Formula originale

Gynol II Extra Strength Jelly
Koromex Cream #
Clear Gel cristallo Koromex
Koromex Jelly
Jelly KY Più
Ortho crema
Ortho-Gynol #
Clear Gel cristallo Ramses
Shur-Seal Gel

Perché
Delfen Schiuma
Emko
Emko Prefil
Koromex Schiuma

Semicid
Dolce e fresco

Principio attivo tra 60 e 150 mg per dose: #octoxynol; tutti gli altri nonoxynol-9.
VCF, vaginale pellicola contraccettivo.

Gli spermicidi richiedono un numero di manovre precoitale immediati e la manipolazione dei genitali; questo non è accettabile per alcuni potenziali utenti. Tutti cospirano per uso improprio e l’interruzione frequente. Tutti hanno una serie di svantaggi che ne limitano l’accettabilità. Se usato da solo, offrono una protezione contraccettiva limitata. La gamma riferito del fallimento o la gravidanza è vasto (vedi tabella 2), da meno di una a più di 30 per 100 anni-donna. 13. 15. 16 Tabella 9 elenca le Indicazioni e controindicazioni per spermicidi topici.

Tabella 9. Indicazioni e controindicazioni per topici spermicidi

Adiuvante ai contraccettivi meccanici: diaframma, cappuccio cervicale, preservativi
Adiuvante per il ritmo, o metodo di astinenza periodica naturale
Temporaneo, durante il primo ciclo su minipills progestinico solo
metodo temporaneo o transitorio prima che i rapporti sessuali sono avviati o prima di un contraccettivo sistemica può essere avviato o un IUD inseriti
Aumento della lubrificazione vaginale desiderato
Alla fine della vita riproduttiva in cui i rapporti sessuali sono sporadici, la fecondità è bassa, o la donna è unwillingor in grado di utilizzare un altro metodo

Alta fertilità
Interruzione di preliminari sessuali interferisce con l’espressione sessuale
Dispareunia, vaginismo

STD attiva o sospetta fino guarito o condizione chiarito
processi di vaginite o dermatologiche acuta o subacuta sui genitali esterni, anche in trattamento
Uretrite, cistite

IUD, dispositivo intrauterino; HIV, virus dell’immunodeficienza umana; STD, a trasmissione sessuale della malattia.
(Sobrero AJ, Sciarra JJ:. Contraccezione In Cohn HF [ndr]: La terapia attuale, 1978. Baltimora, Saunders, 1978)

Il valore pratico di spermicidi vaginali è che tutti sono ampiamente disponibili. Sono venduti senza prescrizione medica, che li rende accessibili a una vasta popolazione disposto a cercare una consulenza professionale e l’esame. Sono semplici da usare, relativamente poco costoso, e sono sotto il controllo di una donna. Anche se la loro efficacia contro le malattie sessualmente trasmissibili e l’HIV è in discussione, spermicidi vaginali possono offrire una certa protezione contro alcune malattie sessualmente trasmissibili. 40. 41. 96

La maggior parte spermicidi hanno una eccellente conservabilità se conservato correttamente a temperatura ambiente. Essi non devono essere refrigerati e congelati mai. spermicidi vaginali sono raccomandati come un metodo occasionale o provvisorio mentre la donna sta aspettando mestruazioni prima dell’inserimento di un IUD o in attesa di iniziare la contraccezione ormonale, durante il ciclo iniziale su un solo progestinico minipillola, o per l’incontro sessuale inaspettato.

Gli spermicidi sono utilizzati per lo più in combinazione con metodi meccanici (ad esempio preservativi, diaframmi e berretti cervicale), come lubrificanti, coadiuvanti in caso di rottura del preservativo, e protezione secondaria contro le malattie sessualmente trasmissibili e l’HIV. Il CDC sottolinea che spermicidi sono nessuna protezione contro malattie sessualmente trasmissibili e l’HIV. Per prevenire la trasmissione del virus HIV e altre malattie sessualmente trasmissibili in popolazioni ad alto rischio, il CDC raccomanda l’uso costante e corretto dei preservativi in ​​lattice maschio con spermicida. Le donne che desiderano utilizzare spermicidi solo devono essere consapevoli che le concezioni accidentali sono più la regola che l’eccezione.

L’uso indiscriminato della vagina come un luogo per attaccare lo sperma indesiderati deve essere considerata con cautela. Studi di spugna vaginale tra i lavoratori sessuali commerciali hanno mostrato che il tasso di infezione HIV era più alta tra loro a causa della irritazione locale attribuito al N-9. Tuttavia, questa situazione è certamente molto diversa da quella della maggior parte degli utenti di spermicidi, in cui una singola dose di spermicida viene applicato meno frequentemente.

1. Eastman NJ, Forewood. In RL Dickinson (a cura di): Tecniche di Conception di controllo, 2a ed. Baltimora, Williams & Wilkins 1942

2. Abma JC, Chandra A, Mosher WD et al: fertilità, la pianificazione familiare e la salute delle donne: Nuovi dati dal 1995 National Survey of Family Growth. Vital Salute Statist, Serie 23, Numero 19, 1997

3. Cates Jr WC: il duplice ruolo di salute riproduttiva. Rete 16: 4, 1996

4. Chin J (a cura di): controllo delle malattie trasmissibili Manuale, 17 ed, Washington, DC, American Public Health Association, 2000

5. Stratton P, Alexander NJ: La prevenzione delle infezioni sessualmente trasmesse: metodi di barriera fisiche e chimiche. Infect Dis Nord Am 7: 841 1993

5a. Alexander NJ: Ostacoli alla malattie sessualmente trasmissibili. Scientific American: Scienza & Medicina: marzo / aprile (32) 1996

6. Cates Jr W: La contraccezione, la tecnologia contraccettiva, e malattie sessualmente trasmissibili. In Holmes KK, Sparling PF, Mardt P-A et al (eds): malattie sessualmente trasmissibili, Cap 78, 3a ed. New York, McGraw-Hill, 1999

7. Hatcher RA, Trussell J, Stewart F et al. La tecnologia contraccettiva. New York, Arden Media, Inc 1998

7 bis. Pietra KM, Timian J, Thomas EL: Metodi di barriera per la prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili. In Holmes KK, Sparling PF, Mardt PA et al (eds): malattie sessualmente trasmissibili, Cap 94, 3a ed. New York, McGraw-Hill, 1999

8. Beckman LJ, Harvey MS: Fattori che influenzano l’uso costante della contraccezione. Obstet Gynecol 88 (Suppl 3): 65, 1996

9. Finger WR: Metodi di barriera richiedono l’uso costante. Rete 16: 6, 1996

10. Harlap S, K Kost, Forrester JD: prevenire la gravidanza, la salute proteggere: un nuovo sguardo su scelte di controllo delle nascite negli Stati Uniti. New York, Alan Guttmacher Institute, 1991

11. Dozinski A: vescovi francesi facilità divieto di preservativi. Br Med J 312: 482, 1996

12. Himes NE: Storia medica di contraccezione. Baltimora, Williams &Wilkins 1936

13. Mosher WD: pratica anticoncezionale negli Stati Uniti 1982-1988. Fam Plann Perspect 22: 198, 1990

14. Fu H, Darroch JE, Haas T et al: fallimenti contraccettivi tariffe: Nuove stime del 1995 National Survey of Family Growth. Fam Plann Perspect 31: 56 1999

15. Trusell J, Vaughan B: fallimento contraccettivo, la sospensione metodo legate e la ripresa di utilizzo: I risultati del 1995 National Survey of Family Growth. Fam Plann Perspect 31: 94 1999

16. Trussell J: L’efficacia contraccettiva. In Hatcher RA, Trussell J, Stewart F et al (eds): Contraceptive Tecnologia, cap 31. New York, Arden Media, Inc 1998

17. Kellaham J, Rubin FL, Ory HW et al: metodi contraccettivi di barriera e di malattia infiammatoria pelvica. JAMA 248 1982

18. Cates Jr WC: scelta contraccettiva, malattie sessualmente trasmissibili, l’infezione da HIV e la fecondità futura. J Br Fertil Soc 1: 18, 1996

19. Cates Jr C, Grunham RV: malattie sessualmente trasmissibili e l’infertilità. In Holmes KK, Sparling PF, Mardt P-A et al (eds): Malattia a trasmissione sessuale, Cap 79, 3a ed. New York, McGraw-Hill, 1999

20. Harris RW, Brinton LA, Cowdell RH et al: Caratteristiche delle donne con displasia o carcinoma in situ della cervice uterina. Br J Cancer 42: 359, 1980

20. Celentano DD, Klassen AC, Weisman CS et al: Il ruolo di ricorso alla contraccezione cancro del collo dell’utero: Il caso-controllo cancro cervicale Maryland. Am J Epidemiol 126: 592, 1987

21. Parazzini P, Negri E, La Vecchia C et al: Metodi di barriera di contraccezione e il rischio di neoplasia cervicale. Contraccezione 40: 519, 1989

22. Slattery ML, complesso Jr JC, Abott TM et al: L’attività sessuale, la contraccezione, infezioni genitali e cancro cervicale: Supporto per un’ipotesi malattia sessualmente trasmessa. Am J Epidemiol 130: 248, 1989

23. Brinton LA: i contraccettivi orali e neoplasia cervicale. Contraccezione 43: 581, 1991

24. Coker AL, Hulka BS, McCann MF et al: metodi barriera di contraccezione e di neoplasia intraepiteliale cervicale. Contraccezione 45: 1 1992

25. Kost K, Forrest JD, Harlap S: confronto tra i rischi ei benefici di scelte contraccettive salute. Fam Plann Perspect 23: 54, 1991

26. Cates Jr W: la sterilità tubarica: Un’oncia di (più specifico) la prevenzione. JAMA 257: 2480, 1987

27. Cramer DW, Golman MB, Schiff I et al: Il rapporto di sterilità tubarica a metodi di barriera e di uso di un contraccettivo orale. JAMA 257: 2246 1987

28. Cates Jr W, Rolf Jr RT, Aral SO: Malattie sessualmente trasmissibili, malattia infiammatoria pelvica, e infertilità: un aggiornamento epidemiologico. Epidemiol Ap 12: 199, 1990

29. Li De-Kun, Darling JR, Stergachis, AS et al: l’uso del condom Prior e il rischio di gravidanza tubarica. Am J Public Health 80: 964, 1990

30. Cates Jr W, Wasserheit JN: infezione da Chlamydia genitale: Epidemiologia e sequele. Am J Obstet Gynecol 164: 1771, 1991

31. Centers for Disease Control: Sindrome da shock tossico, Stati States1970-1982. MMWR 46: 492, 6 Giugno 1997

32. Schwartz B, Gaventa S, Broome CV et al: sindrome da shock tossico non-mestruale associati con i contraccettivi di barriera: Rapporto di uno studio caso-controllo. Rev Infect Dis 11 (Suppl): S43 1989

33. Tietze C: Probabilità di gravidanza derivante da un singolo coito non protetto. Fertil Steril 11: 465, 1960

34. Kestelman P, Trussell J: Efficacia di utilizzo simultaneo di preservativi e spermicidi. Fam Plann Perspect 23: 226, 1991

35. Steiner M, Joanis C: L’accettabilità di uso duale metodo. Fam Plann Perspect 25: 234, 1993

36. Santelli JS, Davis M, Celentano DD et al: uso combinato di preservativi con altri metodi contraccettivi tra interno-città di Baltimora donne. Fam Plann Perspect 27: 74, 1995

37. Sangi-Haghpeykar H, Poindexter N, Bateman L: La coerenza di uso del preservativo tra gli utenti di contraccettivi iniettabili. Fam Plann Perspect 29: 67, 1997

38. Santelli JS, Warren CW, Lowry R et al: L’uso di preservativi con altri metodi contraccettivi tra i giovani uomini e donne. Fam Plann Perspect 29: 261, 1997

39. Steiner MJ, Glover LH, Bou-Saada I et al: Aumentare l’uso metodo di barriera tra gli utenti di contraccettivi orali a rischio di malattie sessualmente trasmissibili. Sex Transm Dis 25, 1997

40. Feldblum BJ, Morrison CS, Roddy RE et al: L’efficacia dei metodi barriera di contraccezione per prevenire la diffusione del virus HIV. AIDS 9 (Suppl A): S85 1995

41. Potts M, Gru SF, Smith JB: Contraccezione e sesso sicuro. In Johnson MA, Johnstone FP (eds): infezione da HIV nelle donne. Edimburgo, Churchill-Livingston 1993

42. Rosenberg MJ, Davidson AJ, Chen JH et al: i contraccettivi di barriera e delle malattie a trasmissione sessuale nelle donne: un confronto di metodi e preservativi femminili-dipendente. Am J Public Health 82: 669, 1992

43. Bankole A, Darroch J, Singh S: determinanti delle tendenze in uso del condom negli Stati Uniti 1988-1995. Fam Plann Perspect 31: 264 1999

44. Steiner M, Piedrahita C, Glover L et al: possono essere identificati gli utenti del condom in grado di avvertire del condom? Fam Plann Perspect 25: 220, 1993

45. Spruyt A, Steiner MJ, Joanis C et al: Identificare gli utenti del condom a rischio di rottura e lo slittamento: I risultati di tre siti internazionali. Am J Public Health 88: 239, 1998

46. ​​Sobrero AJ, Sciarra JJ: Contraccezione. In Cohn JP (a cura di): La terapia attuale, Philadelphia, WB Saunders 1978

47. Stratton P: i preservativi di lattice lubrificati con nonoxynol-9 può aumentare il rilascio di proteine ​​del lattice che possono scatenare ipersensibilità lattice. Rapporti NICHD Research, ottobre 1996

48. Tujanmaa K, Reunale T: Preservativi come fonte di allergene lattice e causa di dermatite da contatto. Dermatite da contatto 20: 160, 1989

49. Kasper CS, Chandler Jr BJ: Possibile morbilità nelle donne dal talco in preservativi [lettera]. JAMA 273: 846, 1995

50. Mayer DP: Talco e preservativi [lettera]. JAMA 274: 1269, 1995

51. Voeller B, Coulson AH, Bernstein GS et al: oli lubrificanti minerali causare un rapido deterioramento dei preservativi in ​​lattice. Contraccezione 39: 95, 1989

52. Steiner N, Piedrahita C, Joanis C et al: rottura del preservativo e tassi di slittamento tra i partecipanti in otto paesi. Intern Fam Plann Perspect 20: 55, 1994

53. Sparrow MJ, Lavill E: rottura e lo slittamento di preservativi nei client di pianificazione familiare. Contraccezione 50: 117. 1994

54. Albert AE, Hatcher RA, Graves W: L’uso del preservativo e la rottura tra le donne in una clinica di pianificazione familiare comunale. Contraccezione 45: 429, 1991

55. Russell-Brown P, Piedrahita C, Foldesy R et al: Confronto di rottura del preservativo durante l’utilizzo umano con le prestazioni nei test di laboratorio. Contraccezione 45: 429. 1992

55. Carey RF, Herman WA, Retta SM et al: L’efficacia dei preservativi in ​​lattice come barriera alle particelle virus-size da immunodeficienza umana in condizioni di uso simulato. Sex trasm Dis 19: 230, 1992

57. libero MJ, Srisamang V, Vail J et al: lattice preservativi di gomma: la previsione e prolungare la shelf life. Contraccezione 53: 221, 1996

59. Liskin L, Wharton C, Blackburn R et al: Preservativi ora più che mai. Popolazione Orphanet H (8), Popolazione Programma informazioni. Baltimora, MA, The Johns Hopkins School of Public Health 1990

60. Cates WC, Holmes KK: l’efficacia del preservativo contro la gonorrea e l’uretrite gonococcica [lettera]. Am J Epidemiol 143: 843, 1996

61. Padian NS, O’Brian TR, Chang Y et al: Prevenzione della trasmissione heterologal dell’infezione da virus dell’immunodeficienza umana attraverso paio di consulenza. J Acq Immun Defic Syndr 6: 1043, 1993

62. Diaz T, Schable B, Chu SY et al: relazione tra l’uso di preservativi e di altre forme di contraccezione tra le donne con infezione da immunodeficienza umana. Obstet Gynecol 86: 277, 1995

64. Detzer MJ, è andato SJ, Solomon LJ et al: barriere contro l’uso del preservativo tra le donne che frequentano le cliniche Planned Parenthood. Donne Salute 23: 91, 1995

65. Davis KR, Weller SC: L’efficacia del preservativo nel ridurre la trasmissione eterosessuale del virus HIV. Fam Plann Perspect 31: 272 1999

66. Wittkowski KM, Susser E, Dietz K: Gli effetti protettivi di preservativi e nonoxynol-9 contro l’infezione da HIV. Am J Public Health 88: 590, 1998

67. Soler H, Quadagno D, Sly DF et al: dinamiche relazionali, l’etnia e l’uso del condom tra le donne a basso reddito. Fam Plann Perspect 32: 82, 2000

68. Fihn SD, Boyko BJ, Normand EH et al: associazione tra l’uso del preservativo spermicida rivestite e infezioni delle vie urinarie Escherichia coli nelle donne giovani. Am J Epidemiol 144: 512, 1995

69. Hooton TM, Scholes D, Hughes JP et al: A studi prospettici di fattori di rischio per le infezioni delle vie urinarie sintomatiche in donne giovani. N Engl J Med 355: 468, 1996

70. Vessey M, Villard-Mackintosh L, Macpherson E et al: Fattori che determinano l’uso-efficacia del preservativo. Br J Fam Plann 14: 40, 1988

72. Kettering J: Efficacia di termoplastici elastomerici e lattice preservativi come barriere virali. Contraccezione 47: 559, 1993

73. Trussell J, Warner DL, Hatcher RA: prestazioni preservativo durante il rapporto vaginale: Confronto di Trojan-Enz e Tactylon preservativi. Contraccezione 45: 11, 1992

74. Rosenberg MJ, Waugh MS, Solomon HM et al: Il preservativo poliuretano maschile: una revisione delle conoscenze attuali. Contraccezione 53: 141, 1996

75. Frezieres RG, Walsh TL, Nelson AL et al: rottura e l’accettabilità di un preservativo in poliuretano: uno studio randomizzato, controllato. Fam Plann Perspect 30: 73, 1998

77. Cook L, Nanda K, Taylor D: studio randomizzato crossover confrontando il preservativo plastica Ezon e un preservativo in lattice. Contraccezione 63: 25 2001

79. Trussell J, Vaughan B, Stanford J: Sono tutti i fallimenti contraccettivi gravidanze indesiderate? Prove da 1995 National Survey of Family Growth. Fam Plann Perspect 31: 246 1999

80. Stein Z: la prevenzione di HIV: la necessità di metodi le donne possono utilizzare. Am J Public Health 80: 460, 1990

81. Leeper. MA. Conrady M: la valutazione preliminare della Realtà: Un preservativo per le donne di indossare. Av contraccezione 5: 229 1989

82. Sakondhabat C: Il preservativo femminile. Am J Public Health 80: 498, 1990

83. Soper DE, Brockwell HJ, Dalton HP: La valutazione degli effetti di un preservativo femminile sul tratto genitale femminile. Contraccezione 44: 31, 1991

84. Campbell P. Efficacia del preservativo femminile. Lancet 141: 1155, 1993

85. Smith C, Frater A, Abrahams E et al: Female barriera contraccettiva. Lancet 341: 696, 1993

86. Russell J, K Sturge, autoadesivo J et al: efficacia contraccettiva comparativa del preservativo femminile e di altri metodi di barriera. Fam Plann Perspect 26: 66, 1994

87. Farr G, H Gabelnick, Sturge K et al: Il preservativo femminile Realtà: L’efficacia e l’accettabilità clinica di un nuovo contraccettivo di barriera. Am J Public Health 1994

88. Gollub EL, Stein Z, El-Sadr: accettabilità a breve termine del preservativo femminile tra il personale ed i pazienti in un ospedale di New York City. Fam Plann Perspect 27: 155, 1995

89. Il preservativo femminile: Una rassegna. Ginevra, Organizzazione Mondiale della Sanità, 1997

91. Ruminjo JK, Steiner M, Joanis C et al: confronto preliminare del poliuretano preservativo femminile con il preservativo maschile in lattice in Kenya. Africa orientale Med J 73: 101, 1996

92. Russell J: L’efficacia contraccettiva del preservativo femminile Realtà. Contraccezione 58: 147, 1998

93. Macaluso M, la domanda M, Artz L et al: l’uso del preservativo femminile tra le donne ad alto rischio di malattie a trasmissione sessuale. Fam Plann Perspect 32: 138, 2000

94. Beksinska ME, Rees HV, Dickson-Tetteh K et al: L’integrità strutturale del preservativo femminile, dopo molteplici usi, lavaggio, asciugatura, e ri-lubrificazione. Contraccezione 63: 33, 2000

95. Finger WR: Female condom riutilizzo esaminato: l’integrità strutturale del dispositivo rimane intatto dopo molteplici lavaggi, sono necessarie ulteriori ricerche. Network 20: 18, 2000

96. Nitruhisard S, Roddy RE, Chutivongse S: ​​l’uso di nonoxynol-9 e la riduzione del tasso di infezioni gonoccocal e clamidia. Lancet 339: 1371, 1992

97. Alcid DV, Kothari N, Quinn PE et al: Sindrome da shock tossico associato con l’uso del diaframma per solo nove ore. Lancet 1: 1363, 1983

98. Davis JP, Chesney Bacchetta PJ, Laventure M: Sindrome da shock tossico: caratteristiche epidemiologici, recidiva, i fattori di rischio e la prevenzione. N Engl J Med 303: 1429, 1980

99. Kugel C, Verson H: Relazione tra il cambiamento di peso e di cambio formato diaframma. J Obstet Gynecol Neonatal Nursing 15: 123, 1986

100. Wright NH, Vessey MP, Kenwald B et al: Neoplasie e displasia della cervice uterina e la contraccezione: Un possibile effetto protettivo del diaframma. Br J Cancer 38: 273, 1976

101. Vessey MP, Villard-Mackintosh L, Pittore R: Epidemiologia di endometriosi nelle donne che frequentano le cliniche di pianificazione familiare. Br Med J 306: 182, 1993

102. Russell J, J Strickler Vaughan B: L’efficacia contraccettiva del diaframma, la spugna, e il cappuccio cervicale. Fam Plann Perspect 25: 100, 1993

103. Vessey MP, Lawless, Yeates D: L’efficacia dei diversi metodi contraccettivi. Lancet 1: 841 1982

104. Stim EM: Il diaframma non-spermicida fit-libero: Un nuovo metodo contraccettivo. Adv Plann Parenthood 8: 81, 1980

105. Ferreira AE, Araujo CH, Diniz SG et al: Efficacia del diaframma utilizzato continuamente senza spermicida. Contraccezione 48: 29, 1993

106. Smith C, Farr G, Feldblum PJ et al: Efficacia della membrana non-spermicida senza forma. Contraccezione 51: 289, 1995

107. Hooton TM, Fhin SD, Johnson C et al: associazione tra vaginosi batterica e cistite acuta nelle donne che usano diaframmi. Arch Intern Med 149: 1932, 1989

108. Hooton TM, Hillier S, Johnson C et al: Escherichia coli batteriuria e metodo contraccettivo. JAMA 265: 64, 1991

109. Hooton TM, Hillier S, Stamm WE: Barriera uso spermicida e batteriuria. JAMA 265: 2671, 1991

110. Hooton TM, Roberts PL, Stamm WE: Effetto di attività sessuale e l’uso di un diaframma sulla microflora vaginale. Clin Infect Dis 19: 274, 1994

111. Koch JP: Il Prentif contraccettivo cappuccio cervicale: uno studio contemporaneo della sua sicurezza ed efficacia clinica. Contraccezione 25: 135 1982

112. Bernstein GS: tappi cervicale e preservativi femminili. In Corson SL, Derman RJ, Tyrer LB (eds): la fertilità di controllo, 2a ed. London, Ontario, Goldin Publishers 1994

115. Koch JP: Il Prentif cappuccio cervicale contraccettiva: aspetti accettabilità e le sue implicazioni per il futuro disegno della protezione. Contraccezione 25: 161 1982

116. Lehfeldt H, Sobrero AJ, Inglis W: spermicida efficacia dei contraccettivi chimici utilizzati con il cappuccio cervicale azienda. Am J Obstet Gynecol 82: 446 1961

117. Lehfeldt H, Sivin I: Uso-efficacia del cappuccio cervicale Prentif in uno studio privato: uno studio prospettico. Contraccezione 30: 331, 1984

119. Gollub EL, Sivin I: Il cappuccio cervicale Prentif e Papanicolaou striscio: Risultato di una valutazione critica. Contraccezione 40: 343, 1989

120. Bernstein GS, Frezieres RG, Walsh T et al: Il cappuccio cervicale e cambiamenti di citologia cervicale. Contraccezione 42: 241, 1990

121. Bernstein GS, Clark V, Coulson AH et al: Utilizzare l’efficacia delle protezioni cervicali. Rapporto finale. NIHHCD, contratto n 1, HD-1-2804 1986

122. Richwald MA, Groenlandia S, Gerber MM et al: Efficacia del cappuccio cervicale bordo cavità: risultati di un ampio studio clinico. Obstet Gynecol 74: 143, 1989

123. Shihata AA, Russell J: New intravaginale dispositivo barriera contraccettivo femminile: studio clinico preliminare. Contraccezione 44: 11, 1991

124. Shihata AA, Gollub E: L’accettabilità di un nuovo dispositivo di barriera contraccettivo intravaginale (FemCap). Contraccezione 48: 511, 1992

125. Mauck C, Callahan M, Domini R: FemCap investigatori Gruppo. Contraccezione 60: 71 1999

126. Miglior K: I nuovi dispositivi di barriera può essere più facile da usare. Rete 20: 14, 2000

127. di Lea Shield: Un nuovo concetto di contraccezione. Manuale Informazione, Milburn, NJ, YAMA, Inc

128. Hunt WL, Gabay L, M Potts: Shield di Lea: Una nuova barriera contraccettiva: valutazione clinica preliminare, tre giorni studio di tolleranza. Contraccezione 50: 551, 1994

129. Shield di Lea: Una fase 1 studio post-coitale di un nuovo dispositivo di barriera contraccettiva. Contraccezione 52: 167, 1995

130. Mauck C, Glover LH, Miller E et al: Shield di Lea: Uno studio sulla efficacia di un nuovo contraccettivo di barriera vaginale usato con o senza spermicida. Contraccezione 53: 329, 1996

131. Gabbay S: Comunicazione personale. 10 giugno 1997

132. Miglior K: metodi di barriera femminili. Rete 20: 16, 2000

133. Harvey SM, Beckman LJ, Murray J: fattori associati con l’uso della spugna contraccettiva. Fam Plann Perspect 21: 779, 1989

134. McClure DA, Edelman DA: Metodo di tutto il mondo l’efficacia del Oggi spugna vaginale. Adv contraccezione 1: 305 1986

135. Edelman DA, Smith SC, McIntire S: studio comparativo della spugna contraccettiva e il diaframma: Un rapporto preliminare. J Reprod Med 28: 781, 1983

136. Rosenberg MJ, Rojanapithayakorn W, Feldblum PJ et al: Effetto della spugna contraccettiva sulla Chlamydia infezione, gonorrea, e candidosi. JAMA 257: 2308, 1987

137. Borko E, Behlilovic B: esperienza jugoslava con la spugna contraccettiva. Int J Obstet Gynecol 24: 353, 1986

138. Kreiss J, Ngugi E, K Holmes et al: Efficacia di nonoxynol-9 contraccettivo uso spugna nel prevenire l’acquisizione eterosessuale del virus HIV in prostitute di Nairobi. JAMA 268: 477, 1992

139. Roddy RE, Cordero M, Cordero C et al: Uno studio dosaggio di nonoxynol-9 e l’irritazione dei genitali. Int J STD AIDS 4: 165 1993

140. Fede G, K Pearson, Fleming D et al: Sindrome da shock tossico e la spugna vaginale. JAMA 255: 216, 1986

141. Psychoyos A, Creatzas G, Hassan E et al: spermicida e le proprietà antivirali di acido colico: L’efficacia contraccettiva di una nuova spugna vaginale (Protectaid) contenente colato di sodio. Hum Reprod 8: 866 1993

142. Courtot AM, Nikes G, Gravanis A et al: Effetto di acido colico e la formulazione Protectaid sulla motilità dello sperma umano e ultrastruttura. Hum Reprod 9: 1999 1994

143. Van Leeuwenhoeck A: Le lettere raccolte di Anthoni van Leewenhoeck, traduzione in inglese, Vol 2. Amsterdam, Dolci & Zeitlinger 1941

144. Kolliker H: physiologische Studien über die Samenflussigkeit. Z Wiss Zool 7: 221 1855

146. Hermonat PL, Daniel RW, Shah KV: La spermicida nonoxynol-9 non fa papillomavirus inattivato. Sex trasm Dis 19: 203, 1992

147. d’Oro LC, Parazzini F, Naldi L et al: metodi barriera di contraccezione, spermicidi, e malattie sessualmente trasmesse: una revisione. Genito-urinario Med 79: 410, 1994

148. Weir SS, Roddy RE, Zekeng L et al: Nonoxynol-9 uso, ulcere genitali, e l’infezione da HIV in una coorte dei lavoratori del sesso. Genito-urinario Med 71: 78, 1995

149. Klevanoff SJ: Effetto dell’agente spermicida nonoxynol-9 sulla microflora vaginale. J Infect Dis 165: 19, 1992

150. Hooton TM, Fennell CL, Clark AM et al: Nonoxynol-9: differenziale attività actibacterial e la valorizzazione di aderenza dei batteri alle cellule epiteliali vaginali. J Infect Dis 164: 1216, 1991

151. Klevanoff SJ, Coombs RW: effetti virucida di Lactobacillus acidophilus su dell’immunodeficienza umana di tipo 1 del virus: possibile ruolo nella trasmissione eterosessuale. J Exp Med 174: 289, 1991

153. Venceslao SJ, Calver G: Recurrent vaginosi batterica – un approccio vecchio ad un nuovo problema. Int J STD AIDS 7: 284 1996

154. NIAID-FHI: Comunicato stampa. 3 aprile 1957

155. Vessey MP, Bambola R, Johnson B et al: uno studio di follow-up a lungo termine nelle donne che usano diversi metodi di contraccezione – una relazione intermedia. J Biol Soc Sci 8: 373 1979

156. Harlap S, P Shiono, Ramcharan S: spontanee perdite fetali in donne che utilizzano contraccettivi diversi intorno al momento del concepimento. Int J Epidemiol 9: 49, 1980

157. Jick H, K Shiota, Shepard T et al: spermicidi vaginali e aborti visto soprattutto nel pronto soccorso. Teratog Carcinog Mutagene 2: 208 1982

160. Linn S, Schoenbaum SC, Monson RR et al: La mancanza di associazione tra uso di contraccettivi e malformazioni congenite in discendenti. Am J Obstet Gynecol 147: 923, 1983

161. Strobino B, Kline J, Stein Z et al: L’esposizione a creme contraccettive, gelatine, e docce, e il loro effetto sulla zigote (abstract). Am J Epidemiol 112: 434, 1980

162. Jick H, Walker AM, Rothman KJ et al: spermicidi vaginali e malformazioni congenite. JAMA 245: 1329, 1981

163. Walkins RN: spermicidi vaginali e malattie congenite: la validità di uno studio. JAMA 256: 3095 1986

164. Strobino B, Kline J, Lai A et al: vaginale esposizione spermicida e l’aborto spontaneo del cariotipo noto. Am J Epidemiol 123: 431, 1986

165. Warburton D, Klein J, Stein Z et al: Monosomy X: Una anomalia cromosomica associata a giovane età materna. Lancet 1: 167 1980

166. Rothman KJ: uso spermicida e la sindrome di Down. Am J Public Health 72: 399 1982

167. Poledňák AP, Janerich GT, Glebatis DM: difetti peso alla nascita e alla nascita in relazione all’uso spermicida materna. Teratologia 28: 27 1982

168. Bracken MB, Vita K: Frequenza di contraccezione non ormonale intorno concepimento e associazione con malformazioni congenite nei discendenti. Am J Epidemiol 117: 281, 1983

169. Louik CM, Mitchell AA, Werler MM et al: esposizione materna a spermicidi in relazione ad alcuni difetti di nascita. N Engl J Med 317: 474, 1987

170. Warburton D, Neugut R, Lustenberger A et al: La mancanza di associazione tra uso di spermicida e trisomia. N Engl J Med 317: 478, 1987

171. American College di Ostetricia e Ginecologia: contraccettivi e anomalie congenite. ACOG parere Comitato 124, luglio 1993

173. statunitense Food and Drug Administration. I dati non supportano l’associazione tra spermicidi, difetti di nascita. FDA Bollettino 11:21 1986

174. Simpson JL, Phillips OP: Gli spermicidi, la contraccezione ormonale e malformazioni congenite. Adv Contraccezione 6: 141 1990

Related posts

  • L’utilizzo di spermicida

    Si deve prima chiarire che cosa si sta cercando di evitare: le infezioni sessualmente trasmesse (IST), la gravidanza, o entrambi? Nel caso di malattie sessualmente trasmissibili, la risposta è un sonoro NO! Tirando fuori, o il ritiro, …

  • L’uso di spermicida, uso di spermicida.

    La mancata Tariffa media: 26% spermicida Usa spermicidi può essere usato da solo, ma sono più efficaci se usato in combinazione con un altro metodo. Per una contraccezione efficace, corretta tempistica e …

  • Le guerre Orgasmo, le donne orgasom.

    Per anni, gli scienziati hanno discusso la funzione dell’orgasmo femminile. Nowthey’ve finalmente capito. Per le donne, la psicologia della soddisfazione sessuale si rivela essere molto più …

  • il femaleorgasm

    Volete s ee il modo più semplice e migliore per fare una donna venire? Dare ogni donna massicci orgasmi facilmente? Sì? Poi basta cliccare sul link sottostante per vedere un video che spiega come fare qualsiasi …

  • I sintomi tricomoniasi, trattamenti …

    Che cosa è Tricomoniasi? Circa 7,4 milioni di persone negli Stati Uniti sono infettati ogni anno con solo il 30% che presentano sintomi, che possono essere facilmente scambiato per una infezione delle vie uretrale. Come…

  • Due metodi di contraccezione, due metodi di contraccezione.

    Scheda febbraio 2016 Fatti salienti La contraccezione d’emergenza può prevenire la maggior parte delle gravidanze se assunto dopo il rapporto sessuale. La contraccezione d’emergenza può essere utilizzato nelle seguenti situazioni: …